Basket playground senza barriere, ai Giardini Fava il primo torneo integrato in piedi e seduti

Grazie a un patto di collaborazione tra Quartiere e l’associazione La Ricotta, il campetto da basket dei giardini sarà riqualificato. Il 24 e 25 giugno ospiterà il torneo “Gallo da tre itinerante” che vedrà anche la partecipazione dei giocatori disabili della polisportiva “I Bradipi”

 

(DIRE) Bologna, 12 mag. – Coinvolgere i cittadini nella cura degli spazi comuni, per riqualificarli e riconsegnarli alla citta’ e abbattere le barriere attraverso lo sport. Sono gli obiettivi della terza edizione di “Gallo da tre”, torneo di basket integrato in piedi e in sedia a ruote che si terra’ il 24 e 25 giugno nel campetto da basket dei Giardini Fava, in via Milazzo a Bologna, riqualificato grazie a patto di collaborazione sottoscritto tra il Quartiere Porto Saragozza, l’associazione La Ricotta e l’Hotel Europa. Le prime due edizioni del torneo, dedicato a Davide Galletti scomparso nel 2014 a 24 anni a causa di un linfoma di Hodgkin, si sono svolte nel campetto della Parrocchia della Sacra Famiglia, in via Irma Bandiera, dove gli amici di Davide hanno sostituito le vecchie strutture reticolari dei canestri, hanno acquistato i nuovi tabelloni e i ferri per i canestri e hanno ripassato le linee del campo (interventi poi sostenuti grazie agli incassi del torneo e alla cena di autofinanziamento). Per la terza edizione la neonata associazione La Ricotta (dal nome del blog di Davide) ha deciso di farlo diventare itinerante. “Vogliamo portarlo fuori dai confini parrocchiali- ha spiegato Mattia Santori dell’associazione- Replicando il modello della prima edizione, il torneo portera’ ogni anno i partecipanti in un diverso playground della citta’”. Obiettivo? Far conoscere i luoghi rimasti ai margini della frequentazione cittadina e approfittare del torneo per riqualificarli, dal punto di vista strutturale e sociale. “Vogliamo coinvolgere i cittadini e le famiglie nella riqualificazione dei beni comuni- ha detto Veronica Marangoni dell’associazione- perche’ vengano tramandati alla citta’”.

Nel campo dei Giardini Fava sono gia’ stati sostituiti il tabellone e uno dei canestri, nelle prossime settimane sara’ sistemato il fondo. Su quel campo a giugno si sfideranno 20 squadre per il torneo di basket in piedi e otto squadre per il primo torneo bolognese di basket playground seduto. Per questo torneo, ogni squadra sara’ composta da quattro giocatori normodotati e da due giocatori disabili della Polisportiva I Bradipi che fornira’ le sedie a ruote e partecipera’ all’organizzazione dell’evento. Le partite da seduti si alterneranno a quelle in piedi e saranno accompagnate da altri eventi (musica, iniziative per bambini, ecc). “Conoscevo Davide Galletti perche’ era coetaneo di mio figlio- ha detto Germano Pepoli della Polisportiva I Bradipi- e dopo la diagnosi della malattia, gli ho detto ‘perche’ non vieni a vedere I Bradipi”, e’ venuto e da allora a iniziato a frequentarli ed e’ diventato uno di loro. Chi vuole puo’ venirci a trovare per capire cosa vuol dire vedere il mondo da un’altra prospettiva: ci mettiamo in pari, giocando seduti, e poi vediamo chi e’ il disabile”.

(Dires – Redattore Sociale) (Rer/ Dire) 14:51 12-05-17

Tags:
No Comments

Post A Comment